Ridere per Ridere, Ridere per Vivere

Ridere per Ridere, Ridere per Vivere

ridere-per-ridere-ridere-per-vivere-psicologa-psicoterapeuta-mariotti-luana-fano-pesaro

 

Ridere per Ridere, Ridere per Vivere

Ridere non è solo contagioso, ma è anche la migliore medicina. Così diceva Patch Adams medico e scrittore statunitense, ideatore di una terapia olistica molto particolare: quella del sorriso, anche nota come clownterapia.

Ma perché è così importante sorridere?

Proviamo a trovare delle risposte:

Migliora l’umore
Sorridere fa rilasciare endorfine, le sostanze del piacere. Le endorfine sono degli agenti chimici che lavorano in modo simile ad un altro elemento chimico… la morfina: Sorridere è una droga naturale.  Le endorfine vengono rilasciate anche quando si mangia cioccolata, ma un sorriso produce un’attivazione cerebrale che è anche migliore di 2.000 tavolette di cioccolato, in più un sorriso non ti farà ingrassare.

E’ Contagioso
Quando vedi una persona sorridere inconsciamente imiterai la sua mimica facciale, questo effetto camaleonte è uno dei meccanismi alla base dell’empatia e solitamente non viene imitata solo l’espressione, ma anche l’emozione associata al sorriso. Questo processo è anche conosciuto come Contagio emotivo seconda il quale le emozioni si trasmettono e i sentimenti anche. Quindi, se imiti un sorriso il tuo corpo rilascerà gli ormoni del piacere e il tuo stato emotivo cambierà in positivo.

Fa vivere più a lungo
Uno studio del 2010 di Abel & Kruger ha analizzato le foto di 150 giocatori di Baseball che giocavano dal 1952 e ha evidenziato che chi sorride più spesso vive in media il 10% in più…quindi perché non provare?

Riduce lo stress
Il semplice atto di sorridere può aiutare a ridurre lo stress indotto dagli ormoni come l’adrenalina e il cortisolo. Inoltre se il sorriso viene accompagnato da una tecnica di respirazione (che posso insegnarti!) potrai amplificare di molto i risultati.

Abbassa la pressione sanguigna e rafforza il tuo sistema immunitario
Quando sorridi c’è una riduzione misurabile nella tua pressione sanguigna.
Sorridere può davvero migliorare la tua salute. Il tuo corpo è più rilassato quando sorridi e ciò contribuisce a migliorare il tuo stato di benessere e aumentare le tue difese.

È naturale
Il sorriso è innato in quanto iniziamo a sorridere già quando siamo nell’utero materno. I neonati sorridono mentre dormono e i bambini ciechi sorridono quando sentono una voce umana. Circa un terzo degli adulti sorride più di 20 volte al giorno, alcuni solo 5 volte mentre i bambini sorridono circa 400 volte al giorno. Una grossa differenza non ti sembra? Quando le persone crescono purtroppo sembrano dimenticarsi di quanto sia bello sorridere.

Rende più attraenti
Siamo attratti dalle persone che sorridono, il sorriso, infatti, è un fattore dell’attrazione per questo vogliamo conoscere persone sorridenti e positive. Mentre, al contrario, le persone accigliate e scontrose allontanano le persone. Inoltre sorridere aiuta a fare una buona impressione agli occhi degli altri.

Aiuta ad essere felici
Il semplice atto di sorridere manda al cervello il messaggio “tu sei felice”. E quando sei felice il tuo corpo rilascia endorfine. In tutte le culture il sorriso è associato alla felicità e alla soddisfazione nella vita.

Aiuta ad essere ottimisti
Prova questo test: sorridi. Ora prova a pensare a qualcosa di negativo senza perdere il sorriso. È difficile vero? Quando sorridiamo il nostro corpo ci manda un messaggio molto chiaro: “La vita è bella!” Aiutati a stare lontano da tristezza, stress e preoccupazioni con un sorriso.

Che ne dici di correre il rischio?
“Dovremmo imparare a sorridere ogni mattina. Alzarci dal letto, pensando che quel giorno può essere un giorno perfetto. Non importa se piove, non importa se non ti va, non importano i se e i perchè. L’importante è che provi a sorridere, anche quando ti sembra inutile. Non si sa mai che qualcuno potrebbe innamorarsi del tuo sorriso!” – Fabio Volo

Contattami!

La tua email

Il tuo messaggio

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePin on Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *